Olio di pesce & ADHD nei bambini

Quando il vostro bambino ha mancanza di messa a fuoco e non può rimanere seduto, si può chiedersi se il deficit di attenzione è un fattore di disordine di iperattività. Questo disturbo colpisce dal 3 al 5 per cento dei bambini in America, secondo MedlinePlus, e lascia molti genitori chiedendo come aiutare. Alcune ricerche indicano che l’olio di pesce, presumibilmente utile in varie condizioni sanitarie, può aiutare l’ADHD.

L’ingrediente fondamentale dell’olio di pesce è gli acidi grassi omega-3, un tipo di grassi polinsaturi che il corpo non può fare. Mangiare pesce, prodotti alimentari fortificati con omega-3 o prendere supplementi di olio di pesce è l’unico modo per introdurlo nel tuo corpo. L’olio di pesce è ufficialmente raccomandato per una sola condizione – abbassando i trigliceridi. E ‘l’efficacia per altre condizioni sanitarie, tra cui ADHD, non è confermata, ma la ricerca sta crescendo e continua.

Gli studi mostrano un legame promettente tra l’assunzione di olio di pesce e la riduzione dei sintomi ADHD. Uno studio del 2002 in “Progress in Neuropsychopharmacology and Biological Psychiatry” ha dimostrato che i supplementi di olio di pesce sono stati vantaggiosi per bambini dai 8 ai 12 anni con diagnosi di ADHD e difficoltà di apprendimento specifiche. Un altro studio del 2007 nella “Journal of Developmental and Behavioral Pediatrics”, ha rilevato che i sintomi dell’ADHD sono diminuiti quando prendono supplementi di olio di pesce. MedlinePlus classifica ADHD come condizione che l’olio di pesce sia effettivamente efficace nel trattamento, migliorando le abilità di comportamento e di pensiero dei bambini ADHD.

Il dosaggio dei supplementi di olio di pesce per ADHD che sono stati ricercati e trovato sicuro sono sei capsule al giorno di un integratore specifico chiamato Novosel o Eye Q. Questo supplemento contiene 400 mg di olio di pesce e 100 mg di olio di primula di sera per capsula. Se si decide di dare supplementi di olio di pesce al proprio bambino per ADHD, consultare prima il medico. È anche possibile consumare l’olio di pesce naturalmente mangiando pesce grasso. Le scelte particolarmente buone sono il salmone, il tonno e lo sgombro. Per ogni 3,5 once. Di pesce, troverete circa 1 g di acidi grassi omega-3.

Prima di iniziare qualsiasi regime di integratori per trattare l’ADHD, consultare il medico del proprio figlio. Se si sceglie di consumare più pesce, rivolgersi al proprio medico per le porzioni consigliate. I bambini con allergie al pesce possono anche essere allergici ai supplementi di olio di pesce, quindi prendete cautela. Gli effetti collaterali degli integratori di olio di pesce comprendono burping, alito cattivo, retrogusto pesce, bruciori di stomaco, nausea e naso. A volte il congelamento dei supplementi o la presa con i pasti può contribuire a ridurre gli effetti collaterali. L’olio di pesce può interagire con alcuni farmaci, tra cui alcuni che trattano l’alta pressione sanguigna. I livelli della vitamina E diminuiscono con il consumo di olio di pesce, quindi consideri questo nel piano nutrizionale del tuo bambino.

Circa l’olio di pesce

Ricerca

Fonti e dosi

considerazioni