Complicanze dell’inversione colostomica

Panoramica

Le colostomia distruggono lo sgabello dal colon fino ad un’apertura sulla parete addominale. Mentre molte colostomia sono permanenti, alcune sono collocate temporaneamente per consentire l’intestino danneggiato per guarire dopo l’infezione o la rimozione di una parte dell’intestino. In questi casi, l’intestino è successivamente cucito insieme, una procedura chiamata colposo, ma in circa l’8 per cento dei casi, l’intestino non può essere ricollegato come previsto, afferma l’Associazione Colostomia. L’inversione della colostomia può essere effettuata attraverso un’incisione aperta o laparoscopica, utilizzando piccole incisioni. Possibili complicazioni gravi durante o dopo un inversione colostomica.

Perdita

La complicanza più grave dopo l’inversione colostomica è il fallimento della connessione alla guarigione o alla perdita anastomotica. Ogni fallimento nel collegamento di due estremità dell’intestino provoca una perdita di sgabello nella cavità addominale, una condizione che porta ad infezioni gravi, poiché lo sgabello non è sterile. Gli antibiotici vengono somministrati per controllare l’infezione, ma di solito è necessario un ulteriore intervento chirurgico. Secondo l’autore principale Andreas Kaiser nel numero del 20 dicembre 2007 del “Journal of Chirurgia Gastrointestinale”, il fallimento dell’anastomosi o la connessione degli intestini si è verificato nel 3,8 per cento di 156 casi studiati.

Infezione

L’infezione minore si è verificata nel 21,8 per cento del paziente nello studio di Kaiser, mentre il 21 per cento ha sviluppato anche l’infezione in uno studio riportato dall’autore principale Elena Boland del Rush University Medical Center nel numero di luglio del 2007 di “The American Surgeon”.

ileo

La peristalsi, un processo di contrazioni ritmiche, mantiene lo sgabello che si muove attraverso l’intestino. Ileo, paralisi dell’intestino, può verificarsi dopo l’inversione colostomica. Decomprimendo l’intestino mettendo un tubo nasogastrico nello stomaco e fermando il cibo aiuta l’intestino a riposarsi. Kaiser ha riportato un’incidenza di ileo del 5,3 per cento nei casi studiati, mentre ileo si è verificato nel 18 per cento dei casi riportati da Boland.

Ernia incisiva

Qualsiasi intervento chirurgico addominale crea un punto indebolito sulla parete addominale. Possono verificarsi delle ernie, un rigonfiamento dell’intestino nel punto debole. Le ernie possono avere bisogno di riparazioni chirurgiche se causano dolore significativo o se vengono incarcerati, con una parte dell’intestino bloccata nel punto bulging. Boland ha riferito che quattro pazienti nel suo studio hanno sviluppato ernie incisive.

L’incontinenza temporanea, l’incapacità di controllare i movimenti intestinali, può verificarsi dopo l’inversione colostomica. Lo sgabello sciolto prodotto subito dopo la reanastamosis è più probabile che causerà l’incontinenza rispetto allo sgabello formato, Susan Cera, M.D. di Ochsner Medical Center relazioni. Ciò normalmente si risolve entro poche settimane. L’incontinenza urinaria può anche verificarsi se i nervi che controllano le funzioni urinarie sono danneggiati durante l’intervento chirurgico, riferisce l’Associazione Colostomia.

Incontinenza