Effetti collaterali comuni di farmaci anti-ansia

Panoramica

Le persone che soffrono di disturbi d’ansia generalizzata possono cercare la tregua dai loro sintomi attraverso l’uso di farmaci anti-ansia. Quattro diversi tipi di farmaci sono comunemente prescritti per facilitare l’ansia: benzodiazepine, antidepressivi, buspirone e beta-bloccanti: ognuno di questi farmaci ha vantaggi e svantaggi che i pazienti e il loro medico devono pesare prima di decidere quale corso di azione da intraprendere.

Dipendenza

Il potenziale per la dipendenza è di grande preoccupazione per molti che stanno valutando l’uso di farmaci anti-ansia. Questa è una causa legittima per l’apprensione, poiché alcuni farmaci associati ad alleggerire l’ansia sono infatti molto dipendenti. Per questo motivo i medici potrebbero ingannare per prescrivere le benzodiazepine. Con l’uso continuato a lungo termine, le benzodiazepine hanno dimostrato di causare dipendenza fisica, insieme ai comportamenti tipici di ricerca di farmaci associati alla dipendenza: più a lungo il paziente prende benzodiazepine, tanto minore sono i farmaci. L’Accademia Americana dei medici di famiglia avverte che, a causa della tendenza dei pazienti a sviluppare una tolleranza a questi farmaci, dopo quattro o sei mesi di utilizzo, perdono la loro efficacia.

Disfunzione sessuale

L’incapacità di eseguire sessualmente può causare ansietà per alcuni pazienti, quindi la tendenza per i farmaci anti-ansia a causare disfunzioni sessuali può superare la loro desiderabilità come un trattamento per l’ansia. Inibitori selettivi di reuptake della serotonina o SSRI sono farmaci antidepressivi spesso prescritti in Il trattamento dell’ansia. Esempi di SSRI includono Paxil, Zoloft e Prozac. Questi farmaci sono stati associati a effetti collaterali sessuali come il basso livello di sesso, l’impotenza e la difficoltà nel raggiungere l’orgasmo. I bloccanti beta sono anche a volte usati come farmaci anti-ansia. In un articolo sul sito di Helpguide.org, Melinda Smith, M.A. e Jeanne Segal, Ph.D., avvertono che i beta-bloccanti possono causare una diminuzione dell’attività sessuale.

Sonnolenza

I pazienti che assumono benzodiazepine possono verificarsi sonnolenza, spezzato linguaggio e riflessi lenti. Questi sintomi possono verificarsi in misura tale che l’uso di benzodiazepina aumenta la probabilità di incidenti stradali, avverte Smith e Segal. L’ovversazione, al punto in cui il paziente si presenta ubriaco e che sperimenta una sbornia di droga il giorno successivo, è una possibilità con benzodiazepine. A causa del loro lento tasso di metabolismo, questi farmaci hanno una tendenza ad accumularsi nel corpo quando utilizzati per periodi prolungati. Altri farmaci anti-ansia, come i beta-bloccanti e il buspirone, un farmaco che allevia l’ansia che viene commercializzato sotto il nome di BuSpar, Sono stati collegati anche a sintomi di sonnolenza e fatica.